16 mesi

Temo la parola che riveli la menzogna 

Che sia già l’ora 

Che non ci sia più tempo 

Che questa notte sia già morte 

Come luce di stella alle ciglia

Conto le colpe per dormire 

All’alba non ho più trincee 

Temo la parola che mi denudi

Come un inverno 

Quello in cui i tuoi occhi non saranno miei 

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

F og O ut O f M outh

la mia stanza sa di fumo
i pezzi dei miei nervi ti reclamano
e tu sei altrove, tra altri con altri occhi ed altre voci
e ridi e ami e io sono qui
a cercare di essere meno ridicolo
facendo ridere qualcuno dicendo
che mentono, che non sanno, che tu sei mia
ma qua nessuno ride
e allora gli parlo di tenerezza, anima, un’amore senza sesso
i tuoi occhi, le tue mani, i tuoi nei
come ti cerco, come ti sento
nessuno ride
e nessuno ride e io parlo di desiderio, di follia.
ogni innamorato è solo , ogni innamorato è ridicolo
ogni innamorato è morto
perché non è di questo secolo

ho un sogno tra le mani irrealizzabile

ho scritto il tuo nome sulle carte che ho fumato
il fumo mi abbaglia la vista, non vedo niente
come se avessi gli occhi al contrario
come i morti, come un innamorato
lancinato da dettagli affilati di ricordi
che hanno voci, occhi, sorrisi e alcuna alterità
rido come un morto come nessuno
solo
annegato nel fumo che ha il tuo nome

l’alone che lascia il mio respiro sul vetro

pronunciare il tuo nome nei mattini d’inverno e vederti nel mio respiro

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Souvenir 

Un logorio lento e costante 

Fenomeni notturni di bruxismo 

Ingoio quel sorriso che era tuo 

E intono sempre la stessa nenia  

La distanza non la fanno i chilometri , 

Ma gli occhi che non so più cosa guardano 

Le parole cadute sui fondi dei calici 

Tutto ciò che non è stato detto 

Il maldetto, il malvisto

L’abitudine e il cuore che non sa smettere 

Il respiro che non sa quietarsi 

Vuoi smettermi 

Me vizio, me immorale , me folle
Gli occhi hanno sempre un orizzonte

E più volte volto resta il tuo volto 

E più volte volto resta il tuo volto volto altrove 

Un incubo che si avvera ride dei miei denti lentamente logorati che affondano 

Da qualche parte qui 

Dentro 

In questo buio dove sei 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Veltumna fly fishing 

Come fosse una guerra persa 

La pedina in scacco alla regina 

La rayuela tra i corsi d’acqua

Dove tu in piedi nel fiume 

io disteso lungo tutto il mio corpo 

corro incontro ai tuoi misteri 

Che mi uncinano 

Risalgo mordendo il filo fino ai tuoi piedi 

Nell’immensa paura di non avere 

Altro senso che nelle tue mani 

Tu mi sorridi 

Mi ridai al fiume , al corso 

Mi dici la vita 

tu resti come quell’ombra del poeta 

In cui è scritto 

Não consentem os deuses mais que a vida.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Abilene 

Fu il crollo , il vuoto 

L’aria immobile 

La promessa latente 

Emerse

Fingemmo di non guardarla 

Di non sentire 

Il nulla che fummo 

E il nulla che saremo 

Cosa fummo resta tra me e te fino all’oblio

E oggi non mi parli ascoltiamo 

Il sussurrare del vento tra i chilometri 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Impasse de la croix 

Il luogo è un garage , la padrona insegna posture 

Io dico poche parole mi cerco male 

Nella bellezza della corniche 

I miei occhi fissano il vuoto 

L’assenza di noi che non siamo mai stati

In questa assenza diciamo parole ormai persi 

Persi senza essere stati Riempiamo i vuoti

 restiamo vuoti 

E avanti è tutto da rifare 

Dagli accenti alle strade di casa 

e dentro urlo il tuo nome

E qui è tutto un’altro tramonto 

E qui è tutta un’altra stazione 

Ogni anno non sono stato lo stesso 

Senza cambiare mai 

Con te mi sono trovato 

Ma tu non eri mia 

Senza averti mai avuta , perderti 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Dans quelques jours

Dio fu dio fu Trino  

Come noi 

Che non avemmo la forza di amarci 

Solo l’ingenuità 

Ci consumammo nella carne 

E restammo a guardarci con gli occhi cavi 

Le parole furono piccoli sassi 

Aridi e ambigui che cadevano via 

La stanza si disperse come anni

E i ricordi sono bui , scoloriti dal vuoto 

Degli addii ordinari e soffocati

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento