cardiofobie #1

Ci allontaniamo fissandoci negli occhi
Nell’ennesima mattina allagata dal sole
Luccicanti come punte di lame
Ci circondano i pensieri della realtà
Il primo occhio che si posasse su di noi
Darebbe adito al massacro

Quando già lame sottilissime
ci perforano le labbra tra i baci
Il corpo tra gli abbracci
Gli accenti tra le frasi

Siamo dannati al desiderio dell’altro
Maledicendo il bisogno

Preghiamo l’ombra dell’arida roccia
Di essere sterili
Di portarci a fondo in quest’oceano di luce
E come naufraghi orfani di Nausiche
Approdati alle rive del sole
Continueremo il nostro viaggio
Con un segreto nascosto nel bagliore del mondo
Come fosse un sogno
Come fissare la luna in pieno giorno

Annunci

Informazioni su honan1984

http://rinabrundu.com/2011/12/19/scrittura-online-2-la-poesia-e-la-prosa-di-luca-fedele/
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...