0.000.000

oh vanità

orpelli e zefiri, adagiate vesti del nulla.

Oh nulla: ricordo ignoto,

inalo lo stentìo buio

insignificante tichettìo d’idiomi

mi dileguo in polveri sottili

non lasciatemi morire lungo i vostri organi.

Oh vibrazioni siero-positive

Divaricate le gambe ai casti

che la natura li ferisca

per illogico cigolare di cingoli.

Echi di risa, sorde, adonee

Mangiate veneri, sognate Cinghiali

intranet di sogni vi lasceranno il cancro

ritornerete agli animali

quando riporterete i morti in casa.

Bambini accatarati d’arte

la sputano ai miei piedi

calzanti scarpe putride

con suole che sull’acque paran Cristo

affondare sarebbe illogico

Sillogico crociffigire il mio fondo

umano perdermi negli occhi di Barabba.

Lingua infausto mezzo d’angusto fine

ti buco per lasciarci un orpello

o infinita vanità che sia il sangue il tuo buio?

Annunci

Informazioni su honan1984

http://rinabrundu.com/2011/12/19/scrittura-online-2-la-poesia-e-la-prosa-di-luca-fedele/
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...