Sani,ma.

c’è sempre un suono
pur bianco
che s’anima di rosso
come il battito del cuore

C’è sempre un segno
pur s’è in bara
che s’anima d’immenso
come metonimia
il mio oblio, dell’universo

C’è sempre un mai
che mi ricorda

quando imparai dagli occhi
che cieco
nel mio buio
sapevo scegliere i colori
muto, ascoltavo suoni
come sordi compositori.
Lo spessore e l’odore del rosso
quando ruppi il setto.

Aleatoria armonia del nulla.

Colsi l’anima come il cieco
il fruscio del vento
e l’odore di sale
d’una rosa Blu.

Annunci

Informazioni su honan1984

http://rinabrundu.com/2011/12/19/scrittura-online-2-la-poesia-e-la-prosa-di-luca-fedele/
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Sani,ma.

  1. verdefronda ha detto:

    Bellissimi versi! Percepire le emozioni i colori ed i suoni al di fuori dei sensi fisici.
    Un caro saluto.
    Giorgio

  2. omar.m ha detto:

    intensi versi,molto apprezzata…grazie del tuo passaggio
    Omar.m

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...