[…] parte prima

“Sarà l’ipocondria, la depressione o la forza che ha la verità quando ti si sputa in
faccia, ma io non sono più lo stesso di un anno fa. Tu sei diventata una dea poi la
più umana tra le creature e ora mi forzo per distinguerti dagli altri. L’idea che si ha
d’una persona, quando sono ancora simboli da interpretare, è la cosa più bella e l’unica
che si possa possedere. Ora che tutto galleggia su una minaccia d’indifferenza i colori
si spengono nel meriggio come un tramonto autunnale e anche Napoli mentre lascia precipitare
sottilissimi aghi può sembrare una qualsiasi metropoli del Nord. è strano e così usuale che
la realtà ci si sia affacciata all’alba dopo nove mesi di gestazione e abbia disarcionato
la mia anima dalle affilate illusioni. Le nostre anime , ora, il nulla che ci accomuna.
L’amore tra noi mai non nacque se non in intima e solitaria intimità fu il calvario che
seguimmo e fummo due ladri crocifissi ai lati di chi d’amore fu il messia e l’unico che
ne risorse”

Annunci

Informazioni su honan1984

http://rinabrundu.com/2011/12/19/scrittura-online-2-la-poesia-e-la-prosa-di-luca-fedele/
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...